02 apr 2015

Save Me



Buongiorno a tutti, 
oggi vi mettiamo la presentazione di un romanzo segnalatoci dalla stessa autrice: Mya McKenzie.

Autrice: Mya McKenzie
Titolo: Save Me
Genere: Romance
Prezzo: 0,99 euro
Numero Pagine: 385
Pubblicato tramite self-publishing



Trama: SAVE ME è il grido disperato e silenzioso di una adolescente in difficoltà. A causa di un incidente con il motorino, Sienna non ha potuto frequentare regolarmente le lezioni e si ritrova a dover ripetere l'anno. Da quando è rientrata a scuola, i suoi nuovi compagni la evitano come la peste, mentre le vecchie amiche sono troppo piene di sé per abbassarsi a frequentare una ragazza del terzo anno.
Sienna è sola, tutti la ignorano e nessuno comprende il suo disagio, nemmeno i professori. Almeno finché a scuola non arriva il nuovo supplente di matematica. Nicholas Hallaway è giovane, simpatico e affascinante ma, soprattutto, è l’unico ad accorgersi che lei esiste. Con tenacia e determinazione, il professore riesce a fare breccia nell'apatia della giovane e a spingerla ad affrontare le difficoltà che incontra a scuola.
Accanto a Nicholas, Sienna recupererà progressivamente la sicurezza e la fiducia perdute ma scoprirà che anche il suo insegnante, ad un certo punto della propria vita, si è perso. Così profondamente da non aver ancora trovato pace...


E ora un piccolo estratto:


Prima di posare la bocca sulla sua, la guardò negli occhi e ancora una volta sentì l’impulso di dirle qualcosa, di confessarle quello che non aveva mai detto a nessun’altra.

Invece la baciò. Chiuse gli occhi, la strinse forte e si perse in lei. Non era ancora pronto per dirglielo. Prima di farlo voleva esserne assolutamente sicuro. Non voleva correre il rischio di mentire un’altra volta.

«Wow, Hallaway! Se continui così mi farai svenire dall’emozione.»

«Credi che la poltiglia, qui, sia pronta?» le chiese fissandola negli occhi trepidante

«Direi che potremmo accontentarci.»

«Bene» dichiarò prendendola in braccio e portandola in camera da letto

«Aspetta un attimo, la torta… dobbiamo metterla a cuocere!»

«C’è qualcos’altro che vorrei infornare adesso, se non ti dispiace.»

Dopo aver commentato la battuta con una linguaccia ed essersi liberata dalla sua presa, la ragazza trotterellò in cucina lasciandolo sul letto a struggersi dal desiderio.

«Prima o poi mi farai impazzire, lo sai vero?» le gridò dalla camera

«Si»

«E questo ti riempie di soddisfazione, non è così?»

«Già»

«Lo sai che potrei prenderti e costringerti con la forza?»

«Non ho dubbi, ma dovresti prima catturarmi»

«Uhm… mi stai sfidando per caso?»

«Forse, ma soltanto dopo aver infornato la torta. Ci vorrà soltanto un attimo… ti prego. Vorrei che fosse tutto perfetto per questa notte»

Quando voleva, quella ragazza sapeva essere dolcissima e riusciva a toccarlo nel profondo.

Nicholas si arrese e l’aiutò a ricoprire la base di biscotti e burro con il ripieno che avevano preparato. Una volta terminata l’operazione guardarono con soddisfazione il loro capolavoro.

«Se è buona quanto bella, sarà uno spettacolo mangiarsela.» dichiarò Nicholas «Fai spesso questo genere di cose?» le chiese cingendole la vita con le braccia

«Le torte? No, soltanto quando sono di buon umore, quindi quasi mai. Quando ero piccola aiutavo sempre mia nonna, lei era davvero brava. Poi, dopo l’incidente, non ho più voluto farlo. Mi sembrava… inutile e noioso»

«Questo significa che adesso sei felice?»

«Non immagini quanto»

Nicholas la guardò negli occhi per un lungo momento, le prese il viso tra le mani e si chinò per baciarla. Le sciolse i capelli e li accarezzò in tutta la loro lunghezza. Le sfilò il coprispalle e le sfiorò la pelle candida che aveva appena scoperto. Il vestito che indossava era lo stesso che aveva portato a Washington e, come allora, la trovò semplicemente bellissima. L’imbarazzo e la tensione che li aveva accompagnati quella notte erano spariti. Ora rimanevano soltanto la meraviglia di quanto bello e accattivante fosse il suo corpo e la consapevolezza di quanto fossero speciali quei loro momenti di intimità.



Nessun commento:

Posta un commento